Mobilità elettrica, FCA guarda al futuro

[smiling_video id=”96488″]

[/smiling_video]

 

L’industria automobilistica sta per vivere un cambiamento definito da più parti epocale, dalla portata simile a quello avvenuto negli anni Venti del ‘900. È infatti in atto una transizione dal motore a scoppio al motore elettrico o ad altre propulsioni che porterà a un grande cambiamento tecnico, soprattutto nelle dimensioni interne dei veicoli. Questo avverrà perché il motore elettrico ha bisogno di spazi diversi, e perché nei prossimi anni le automobili vedranno un’evoluzione dell’interfaccia e una maggiore connessione. Da questo punto di vista Fiat Chrysler Automobiles ha avviato una serie di iniziative a supporto della mobilità elettrica, come per esempio la sperimentazione di tecnologie e servizi di mobilità sostenibile quali il Vehicle-to-Grid (V2G), che permette alle auto elettriche di interagire con la rete attraverso un’infrastruttura di ricarica ‘intelligente’.

Per il Chief Operating Officer di FCA in EMEA, Pietro Gorlier, le tecnologie Vehicle-to-Grid rappresentano infatti “un’opportunità per ottimizzare i costi di esercizio delle vetture a vantaggio degli automobilisti”, oltre a fornire un reale contributo alla sostenibilità e al perfezionamento delle prestazioni della rete elettrica. Da qui l’accordo con Terna, che prevede anche la creazione dell’E-mobility Lab, ovverosia un laboratorio tecnologico innovativo dove verranno sperimentate, tra le altre cose, prestazioni e capacità delle auto elettriche nell’erogare servizi a supporto della flessibilità e della stabilizzazione della rete elettrica. Ma visto che “la vettura da sola non risolve la questione della mobilità”, sempre secondo Pietro Gorlier, c’è bisogno di creare un vero e proprio ecosistema intorno alla vettura. Per questo motivo sarà avviato lo studio di fattibilità di una flotta dimostrativa sperimentale di veicoli elettrici connessi alla rete attraverso un’infrastruttura V2G, da realizzarsi in un’area situata dentro il complesso industriale FCA di Mirafiori.

Questa collaborazione si inserisce in un quadro più ampio di operazioni per supportare la mobilità elettrica, che hanno visto negli scorsi mesi Fiat Chrysler Automobiles siglare delle partnership con EnelX e ENGIE, o a entrare a fare parte di Motus-e, l’associazione che ha l’obiettivo di accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica in Italia. Integrando la strategia di e-Mobility annunciata l’anno scorso nel contesto del piano quinquennale del Gruppo, FCA sta creando di fatto un ecosistema di partner, prodotti e servizi nei diversi mercati, così da soddisfare le aspettative dei clienti in termini di veicoli elettrificati.

About The Author

Giornalista, scrittore e Social Media Editor, è una delle firme storiche di Multiplayer.it. Ma in diciotto anni di attività ha anche diretto il settimanale Il Ponte e scritto per diversi siti, quotidiani e periodici di videogiochi, cinema, società, viaggi e politica. Tra questi Microsoft Italia Tecnologia, Game Arena, PlayStation Magazine, Kijiji, Movieplayer.it, ANSA, Sportitalia, TuttoJuve e Il Fatto Quotidiano. Fa parte di Giornalisti Senza Frontiere ed è spesso impegnato in scenari di guerra come la Siria e la Libia.

Related posts