La Reggiana rinnova il suo impegno iscrivendo una squadra di calcio a 7 al campionato di Quarta Categoria

[smiling_video id=”107589″]

[/smiling_video]

Continua l’impegno della Reggiana, squadra di calcio della città di Reggio Emilia, a favore del mondo dello sport e della disabilità. Riportiamo integralmente l’esaustivo comunicato della squadra emiliana, facendo i complimenti e gli auguri alla proprietà e a tutti i protagonisti di questa bellissima iniziativa, dagli sponsor ai giocatori:

Reggiana rinnova e implementa il suo impegno a favore di sport e integrazione prendendo parte al campionato di Quarta Categoria, il primo torneo nazionale di calcio a 7 rivolto esclusivamente ad atleti con disabilità cognitivo-relazionale promosso dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio.

Il progetto, che ha visto protagonista la città di Reggio Emilia fin dalle prime sperimentazioni, dopo tre anni si rinnova con la collaborazione tra la società reggiana, il Consorzio Oscar Romero (con le due cooperative Coress e L’Ovile) e l’AUSL di Reggio Emilia. 
La novità della stagione è la costituzione di due squadre interne al Club: una composta da atleti con patologie psichiatriche (Quarta Categoria) e una da atleti con deficit cognitivo-relazionali (Quinta Categoria).

Innovazione non solo a livello locale ma anche nazionale, dove l’impegno a favore dell’integrazione nel mondo del calcio è stato riconosciuto dal Consiglio Federale che ha concluso con il Comitato Italiano Paralimpico un protocollo di intesa diretto a favorire la crescita dell’offerta formativa e sportiva del gioco del calcio a beneficio degli atleti disabili.
 Con la sottoscrizione di questo Protocollo, il CIP si è reso disponibile al trasferimento graduale in favore della FIGC dell’organizzazione delle attività calcistiche di sua competenza o di parte di esse.
 Il Consiglio Federale ha pertanto deliberato di istituire la Divisione Calcio Paralimpico e Sperimentale, inquadrandola nella FIGC, che si occuperà dell’organizzazione e della disciplina delle competizioni calcistiche per atleti disabili. La Federazione potrà demandare alle Leghe l’organizzazione delle competizioni della Divisione Calcio Paralimpico e Sperimentale.

Nell’incontro che si è svolto questa mattina presso lo spazio de “La Polveriera” sono intervenuti Luca Quintavalli (Presidente Reggiana), Nicola Simonelli (Segretario Generale AC Reggiana), Valerio Maramotti (Presidente Consorzio Oscar Romero), Annalisa Rabitti (Assessore alle Pari Opportunità e Città Senza Barriere), Andrea Scarabelli (Presidente Celtic Boys Pratina) e Valentina Battistini (Referente Nazionale Quarta Categoria) in presenza di Danilo Oppedisano (Responsabile Segreteria Sportiva Divisione Calcio Paralimpico e Sperimentale).

Presentati in mattinata la maglia della stagione 2019/2020 e gli sponsor che hanno scelto di sostenere il progetto di integrazione reggiano: FCA AutonomyCredemMapei e Vega carburanti.
 Nel pomeriggio gli educatori coinvolti nel progetto hanno partecipato ad un incontro formativo e di scambio con i referenti nazionali di Quarta Categoria.

In attesa dell’avvio del campionato previsto per l’inizio del 2020 gli atleti special di Reggiana hanno iniziato gli allenamenti affiancati da educatori ed allenatori formati AID (Allenatore Inclusivo per la Disabilità).
La squadra afferente ad AUSL e L’Ovile debutterà sabato 16 novembre presso il campo sportivo “La Pratina” di Cavriago nel “Torneo del Centenario” che vedrà coinvolte anche le squadre di Quarta Categoria di Imolese FS, Juventus FS, Parma FS, Siena FS e Spezia FS nella competizione organizzata in collaborazione con l’ASD Celtic Boys Pratina in occasione dei festeggiamenti per i cento anni della Società reggiana.

A latere dell’attività sportiva verrà avviato un progetto riguardante il tifo: per quattro volte al mese i ragazzi delle squadre Special granata parteciperanno agli incontri di coordinamento del Gruppo di tifosi organizzati “Vandelli”, per lavorare su un progetto di inclusione a 360 gradi.

Tante le attività ancora in cantiere che verranno svelate nei prossimi mesi”.

In bocca al lupo!

About The Author

Related posts