Atalanta: Al Mapei brillano Caldara, Conti e gli altri giovani di Gasperini, continua il sogno Europa

Atalanta: Al Mapei brillano Caldara, Conti e gli altri giovani di Gasperini, continua il sogno Europa

“ I sogni son desideri, di felicità” . I sogni, quelli della notte, di cui parla il noto cartone animato, sono i nostri desideri, tuttavia spesso irrealizzabili. E i sogni “del giorno”, quelli per cui ti svegli ogni mattina e ti sacrifichi quotidianamente? In alcuni casi, con un misto tra fortuna e capacità, sono realizzabili.
A Luglio i tifosi neroazzurri avevano dato il via alla stagione 2016/2017 con questo striscione: “ La nostra passione ci spinge ad osare scalando le montagne per arrivare alla vetta.. Oggi insieme proviamoci ancora conquistando l’EUROPA, toccando le stelle”
La maggior parte degli addetti ai lavori, probabilmente compresa parte della dirigenza e della squadra, non si sarebbe mai aspettata che quasi quattro mesi dopo la Dea si potesse trovare in quarta posizione, davanti a Napoli, Fiorentina ed Inter.
Il merito non può che andare a Gasperini e ai suoi ragazzi, che dopo le difficoltà iniziali si sono affidati completamente al tecnico piemontese per  uscire da una situazione che cominciava a farsi critica. Dopo la sconfitta per 0-1 contro il Palermo, sono arrivati 7 risultati utili, 6 vittorie, 13 gol fatti e solo 2 subiti. Gasperini chiese fiducia e appoggio dalla società, che sembrava intenzionata a dargli un ultimatum. Non perse mai la fiducia dello spogliatoio e iniziò a prendere decisioni fondamentali. Prima di tutto modificò la posizione di Kurtic, da mediano a trequartista/esterno destro. Il tuttofare sloveno si è dimostrato il perfetto collegamento tra reparto mediano e attacco, grazie ai suoi inserimenti, misti alla nota aggressività. Inoltre diede fiducia ai giovani in rosa, riscoprendo una parte del DNA atalantino persa nelle prime giornate. Infatti Conti, Caldara, Gagliardini e Petagna ebbero poche chance ad inizio stagione, chiusi da illustri “compagni di ruolo” come Konko e Paloschi, per dirne due. Tra gli Under 25 titolari, figurano spesso anche Spinazzola, Freuler e Kessiè, vera rivelazione della stagione.

La vittoria contro il Sassuolo al Mapei Stadium è stata la definitiva consacrazione delle scommesse di Gasperini. Kurtic e Spinazzola seminano il panico nella difesa neroverde, costringendo Di Francesco a cambiare modulo più volte nel corso della partita. Ma il vero merito va ai sopracitati giovani neroazzurri, 6 under 23 titolari dal primo minuto. Se la partita si blocca con il gol del “maturo” (e ottimo) Papu Gomez, sono loro i protagonisti dei due gol successivi. Al 24’ Caldara insacca il cross di Gagliardini e al 43’ segna il terzo gol di giornata Conti, primo in Serie A.
Ciò che colpisce di più dei tre gol è la voglia agonistica con cui i giocatori neroazzurri vanno sul pallone per segnare, dimostrazione di convinzione e fiducia. In fase difensiva i movimenti sono praticamente perfetti, impedendo a rivali come Matri e Defrel di andare a rete. Ottimo il giovane centrocampo, con Conti e Spinazzola fluidificanti e precisi in entrambe le fasi. Nota di merito per l’esterno di scuola Juve, infatti dopo le prime disastrose uscite sta dimostrando che la Serie A è il suo livello. In mezzo al campo la coppia Gagliardini-Kessiè dimostra solidità, inserimenti, contenimento e impostazione, con i due giovani abili a scambiarsi i compiti. Il tridente offensivo sogna e fa sognare, con Kurtic e Gomez sempre più affiatati e Petagna a lavorare duro per la squadra. Zero tiri nello specchio per lui, tuttavia la determinazione con cui affronta ogni duello contro il più esperto Acerbi è indiscutibilmente da lodare.

Ora la pausa Nazionali, in cui Gasperini perderà vari giocatori tra Nazionali maggiori e Under 21. Al rientro la sfida contro la Roma all’”Atleti Azzurri d’Italia”. Sarà l’ennesima “prova Europa” per i ragazzi di Gasperini.

About The Author

Related posts