Le pagelle della Sampdoria, inizio esaltante poi un calo preoccupante

Le pagelle della Sampdoria, inizio esaltante poi un calo preoccupante

Sosta per le nazionali e primi bilanci anche in casa Sampdoria, che, dopo un avvio esaltante con due vittorie nelle prime due giornate, da dopo la prima sosta delle nazionali di inizio settembre, non è riuscita più a vincere una partita, anzi, se non fosse stato per il goal di Bruno Fernandes al 94′ contro il Palermo domenica scorsa, i blucerchiati avrebbero raccolto 5 confitte consecutive nel mese di settembre (inizio ottobre), con un penultimo posto in graduatoria.

Il bilancio chiaramente non è positivo, visti i 7 punti in classifica e zone basse di classifica, a pochi punti di vantaggio dalla zona retrocessione. Giampaolo avrà tempo di recuperare le energie in questa pausa e provare ad invertire la rotta che sembra davvero molto preoccupante.

VOTO SQUADRA: 5

Non ce ne vogliano i tifosi doriani ma l’insufficienza piena a questa Samp dopo 7 giornate ci sta tutta. E’ dal rientro dalla pausa delle nazionali, quando la squadra aveva ottenuto due vittorie su 2 ad agosto, che le cose sono girate storte. Anzi, come dicevamo in un editoriale di qualche settimana fa, dal rigore di Totti alla 3^ giornata, che sancì al 94′ la sconfitta in capitale, gli uomini di Giampaolo sono caduti in un vortice. Non dal punto di vista del gioco, ma un vortice mentale. Con la Roma la Samp fece una gara superba e non meritava quella sconfitta, così come non la meritava a Cagliari o in casa con il Milan. Unica gara senza storia fu a Bologna dove perse 2-0. E’ mancata quella fiducia e quella concretezza sia con il Milan che a Cagliari, dove nel finale sono arrivati i gol pesanti delle sconfitte. Anche nella gara chiave con il Palermo, la Samp ha dominato l’incontro, salvo poi rischiare di perdere la quinta consecutiva, se non fosse stato per un goal di Bruno Fernandes al 95′.

Il talento c’è, il gruppo è ottimo e le qualità non mancano per ben figurare e rialzarsi, ma c’è da sbloccare qualcosa nella mente dei giocatori chiave. Mancano i goal degli attaccanti e maggiore attenzione in difesa per invertire la tendenza. Se la scorsa pausa nazionali ha fatto male alla Samp, si spera che questa possa riportare serenità e soprattutto punti, alla ripresa, agli uomini di Giampaolo.

PROMOSSI

Bruno Fernandes: Il giovane trequartista portoghese lentamente, sempre entrando dalla panchina, sta dimostrandole sue qualità a Giampaolo, segnando 2 gol nelle ultime due giornate. A Cagliari aveva riportato la Samp in partita, persa per un infortunio di Viviano nel finale e col Palermo ha salvato i suoi dalla quinta sconfitta di fila. Sicuramente lo vedremo più spesso da titolare perchè ha dimostrato di poter incidere e far bene nel progetto di Giampaolo.

Muriel: Ci si aspetta molto di più dal colombiano sia chiaro, ma è uno dei pochi da salvare in questo inizio della Samp. Due gol all’attivo, uno pesante nella vittoria di Empoli alla seconda giornata, ma sicuramente il più imprevedibile e pericoloso nell’attacco blucerchiato. Ha bisogno di ritrovare fiducia e serenità per diventare ancora più devastante.

Tifosi: Il tifo sampdoriano si è dimostrato eccellente,non ha mai fischiato o criticato la squadra nonostante il periodo non esaltante ma ha sempre incitato i propri beniamini. E’ importante avere una tifoseria così compatta al proprio fianco per una squadra che deve rialzarsi dopo delle prestazioni storte e avere la fiducia e il calore dei tifosi non può far altro che rinvigorire i giocatori.

RIMANDATI

Quagliarella: L’attaccante campano chiamato a rilanciarsi dove è esploso può e deve fare di più. Come Muriel due gol, ma poi sono arrivate prestazioni non esaltanti e mancanza di esplosività che lo ha sempre contraddistinto in carriera. Magari non è al top fisicamente ma da lui i tifosi si aspettano più gol e maggiore presenza in attacco. Fabio ha tutto per poter invertire la tendenza.

Giampaolo: Lo ha detto Ferrero, Giampaolo non è a rischio ma col Palermo doveva vincere. Ok, 4 partite storte con Roma, Milan, Cagliari e Bologna ci possono stare, ma in casa con il Palermo doveva raccogliere il bottino pieno. Anche perchè la Samp ha anche dominato l’incontro ma ha rischiato la sconfitta, salvata dall’euro gol di Fernandes nel finale. Poi alcune scelte di formazione spesso hanno fatto discutere, come lo stesso Ferrero ha affermato.Per Giampaolo c’è lo spogliatoio che lo sostiene e tempo per migliorarsi e lavorare serenamente per riportare i suoi ad un livello importante.

Budimir: Sarebbe stato bocciato ma lo inseriamo tra i rimandati solo perchè non ha avuto le sue possibilità. L’ex bomber del Crotone in un attacco che fa fatica come ora quello doriano, qualche possibilità in più l’avrebbe meritata e probabilmente anche sfruttata bene, Non è stato preso per fare il titolare probabilmente ma come arma in corso di partita può essere decisivo. Vedremo se Giampaolo gli darà maggiore fiducia dopo la sosta.

BOCCIATI

Viviano: Dispiace per un portiere dell’esperienza e della classe di Viviano, ma alcuni errori fatti, soprattutto quello clamoroso di Cagliari, in queste sette giornate non passano inosservati. Sappiamo che Emiliano ha la forza e la qualità per sapersi riprendere e dimostrare le sue potenziaità e sicuramente nel prossimo pagellone staremo qui a metterlo tra i promossi e tra i trascinatori della Samp, ne siamo sicuri.

Alvarez-Dodo‘- I due ex interisti sono delle note incolori in questa Samp. Va bene i mille problemi fisici avuti, ma ci si aspetta di più dai due per provare a dare un salto di qualità ai ragazzi di Giampaolo. Il campionato è lungo e avranno possibilità di riscattarsi, problemi fisici permettendo.

Al rientro dalla sosta per la Sampdoria ci sarà la difficile trasferta di Pescara, tra due squadre alla ricerca disperata di continuità e punti. All’Adriatico sarà una gara da non fallire per gli uomini di Giampaolo altrimenti davvero si potrebbe iniziare a parlare di crisi.

About The Author

Studio lettere, amo scrivere e sogno di diventare giornalista. Seguo lo sport a 360°, vanto uno stage a Sky Sport 24, un Master in Giornalismo e collaborazioni con importanti testate giornalistiche, dove ho trattato anche altri argomenti non sportivi.

Related posts