Torino: Baselli reagisce alla grande dopo le parole di Mihajlovic

La gara di Pescara era stata caratterizzata dalle pesanti critiche che in conferenza stampa Mihajlovic aveva rivolto a Baselli. Come spesso gli accade, il talento granata era parso oltremodo timido, quasi uno spettatore non pagante. Non a caso, Miha aveva tirato in ballo principalmente riferimenti caratteriali, soffermandosi sulla poca grinta del ragazzo.

Contro la Roma, Baselli è partito dalla panchina: al suo posto gli è stato preferito Obi. Tuttavia, il centrocampista africano è dovuto uscire al 22’ per un problema fisico. Al suo posto è entrato proprio Baselli, a cui quindi si è subito presentata un’occasione di forte riscatto. A giudicare dalla sua prestazione, viene da dire che Mihajlovic è letteralmente riuscito a scuotere il ragazzo. Per quanto venga in mente quel gol divorato in cui sicuramente ha temporeggiato troppo, il numero otto ha avuto un impatto super sul match, offrendo un rendimento elevato in tutte le fasi di gioco. Nonostante abbia disputato poco meno di 70’, è il secondo tra i granata per passaggi effettuati: ben trenta, appena uno in meno di Valdifiori.

Il suo agire tra le linee ha spesso causato grossi guai a una Roma piuttosto lunga, con reparti troppo scollegati tra loro. Le sue verticalizzazioni hanno colto impreparati i rivali, rivelandosi decisive nelle offensive del Toro, e roprio da un suo passaggio filtrante è nato il terzo gol della formazione di casa. E’ però soprattutto il lavoro in fase di non possesso che fotografa con esaustività la grinta con cui è sceso in campo il ragazzo: ben dieci palloni recuperati (record del match), con tre intercetti e tre contrasti vinti. Insomma, l’ex Atalanta ha davvero approcciato il match nel modo giusto.

Troppe volte, nel corso della sua esperienza a Torino, Baselli ha dimostrato una certa discontinuità, una tendenza a sparire nei momenti chiave proprio quando da lui ci si attendeva quel qualcosa in più. Rimanendo al presente, vengono in mente le tre pessime gare contro Atalanta, Empoli (anche se da subentrato) e Pescara. Dopo essere sempre stato adottato un atteggiamento protettivo verso di lui, viene da dire che forse Mihajlovic ha utilizzato il metodo giusto per dare una scossa al giocatore.

Ora vedremo se il centrocampista granata riuscirà  a trovare quella benedetta continuità in grado di fornirgli un’esplosione definitiva. Sarebbe atroce se un ragazzo di così tanto talento non dovesse sbocciare definitivamente. Ne perderebbe sia il Toro, sia il calcio italiano. Di certo, la prestazione di domenica è stata oltremodo incoraggiante. Ora tocca alla Fiorentina, a cui l’anno scorso Baselli segnò forse il gol più bello della sua carriera.

About The Author

Related posts