Calciomercato: tutte le trattative sfumate l’ultimo giorno di mercato!

Calciomercato: tutte le trattative sfumate l’ultimo giorno di mercato!

L’ultimo giorno di calciomercato è stato caratterizzato da grandi colpi di scena dovuti alle trattative sfumate all’ultimo minuto. Dopo 2 mesi “ufficiali” di tempo, molte squadre si sono ritrovate all’ultimo con la necessità di completare la rosa.

Sicuramente la “beffa” più grande l’hanno subita i Campioni d’Italia con il mancato arrivo di Witsel. Martedì 30 sembrava certa la conclusione della trattativa, tant’è che il centrocampista belga ha avuto il via libera della società russa per andare a Torino. Visite mediche svolte in mattinata poi l’arrivo in Corso Galileo Ferraris per attendere l’ok e firmare gli ultimi documenti. Tuttavia col passare delle ore la situazione si è complicata e in tarda serata i russi, su volontà di Lucescu, hanno fatto saltare la trattativa. Lucescu reputava le alternative non all’altezza del belga e ha preferito tenere il giocatore fino alla scadenza del contratto. Il trasferimento di Witsel alla Juve pare solo rimandato a Giugno 2017 quando sarà un parametro zero. Rimane in bianconero invece Hernanes, che sarebbe dovuto andare a Genova sponsa rossoblu in caso di arrivo del belga.

Nella giornata di ieri, i bianconeri hanno dovuto affrontare un’altra trattativa dell’ultimo minuto, in questo caso in uscita. Infatti Stephan Lichtsteiner avrebbe chiesto la rescissione del contratto per potersi trasferire a zero all’Inter. Rifiuto secco della Juve, che nonostante l’arrivo di Cuadrado crede ancora nello svizzero. Nel pomeriggio, il terzino destro svizzero avrebbe rifiutato il Borussia Dortmund volendo rimanere in Italia.
Tuttavia nella mattinata di oggi sono arrivate le parole del diretto interessato che sembrano smentire quanto accaduto. “Cari tifosi
Contano di più i fatti o voci senza fondamenti?
I fatti sono che io ho sempre dato tutto e continuerò sempre a dare tutto per difendere la mia maglia e la mia squadra. Io vivo e respiro ogni giorno per il successo della mia squadra. E vi dimostrerò che anche quest’anno sarà così…FinoAllaFine!

Particolarmente attive anche la Lazio, alla disperata ricerca di un’ala destra che rimpiazzasse Candreva. Uno dei nomi più caldi è stato quello di Lazar Markovic, esterno destro classe ’94 di proprietà del Liverpool. Nazionale serbo e quindi extracomunitario, la Lazio non è riuscita a chiudere la trattativa a causa di Mauricio, anch’egli extraUE. Infatti il difensore brasiliano ha aspettato gli ultimi giorni per trasferirsi in Grecia, nonostante una trattativa chiusa da settimane. Atteggiamento che ha fatto infuriare Igli Tare, il quale ha avuto il tempo per limare le distanze con il Liverpool. Nella giornata di ieri gli è stato proposto Iturbe, offerto a molte squadre dalla Roma. Secco il rifiuto di Tare. Con il mancato arrivo dell’esterno destro, Mister Inzaghi dovrà sperare nel “ritorno” di Keita.

Parlando di esterni destri, altra trattativa praticamente fatta sfumata all’ultimo minuto è quella di Cerci al Bologna. Cerci è stato operato al ginocchio nel maggio scorso e il Bologna ha preferito tutelarsi facendo visite mediche molto approfondite. Esse hanno evidenziato una buona guarigione, ma anche tempi di recupero molto lunghi. Per questo motivo la società emiliana ha rinunciare al giocatore e rimandare l’accordo a Gennaio.

In casa Fiorentina due le trattative sfumate all’ultimo: Sportiello e Jovetic. Il giovane portiere atalantino è da settimane ai ferri corti con Gasperini, accusato di scarsa concentrazione. Da inizio mercato pareva forte su di lui l’interesse del Napoli, concluso in un nulla di fatto. Nella giornata di ieri ci ha provato la Fiorentina, alla ricerca di un portiere dopo l’infortunio di Tatarusanu. L’accordo sembrava vicino, in particolare dopo l’ufficialità di Berisha all’Atalanta, ma i due club hanno concluso la trattativa in tempo.

Nulla di fatto anche per il ritorno di Jovetic a Firenze. Due i principali problemi: l’ingaggio del montenegrino da 7 milioni di euro lordi a stagione e i 17 milioni di riscatto che l’Inter deve al City alla prossima presenza in Serie A. In giornata forte anche l’interesse del Milan, con Montella che avrebbe voluto di nuovo il montenegrino dopo l’esperienza di Firenze. L’ipotesi era quella di subentrare nell’accordo Inter-City, acquisendo il giocatore con la stessa formula (prestito con obbligo di riscatto). Operazione complicata, che con un solo giorno di tempo era quasi impossibile da risolvere.

About The Author

Related posts