Rio, volley maschile: Italia quanto sei bella! Cade anche il Brasile

Rio, volley maschile: Italia quanto sei bella! Cade anche il Brasile

Se stiamo sognando non svegliateci: una super Italia batte i maestri brasiliani, organizzatori dell’evento e favoriti alla conquista dell’oro, per 3-1 e ipoteca il primo posto nel girone di ferro. Una gran prova caratteriale degli azzurri costretti a giocare contro un Paese intero, presente in 12mila unità al Maracanazinho. E diciamolo chiaramente: chi di noi si aspettava di vincere il girone con superpotenze del calibro di Usa, Francia e lo stesso Brasile?

Nel primo set regna la tensione: il Brasile sa di non poter più sbagliare dopo la lezione subita dagli Stati Uniti, ma commette errori pesanti sul servizio. Anche l’Italia non è precisa dalla battuta ma, dopo una serie di botta e risposta, Pippo Lanza inserisce il turbo e firma il break del 9-12. I padroni di casa non ci stanno e, dopo un lungo inseguimento, impattano il pareggio sul 15-15. Un guaio muscolare ferma Matteo Piano, al suo posto capitan Birarelli, ma due errori abbastanza elementari consegnano il primo set ai verdeoro che si impongono per 25-23.

Nel secondo set l’inerzia sembra tutta a favore dei padroni di casa, ma l’Italia si conferma squadra solida e trova un nuovo importante break di 10-13 senza difenderlo. Simone Giannelli, a questo punto, ricorda di avere con sé un certo Ivan Zaytsev, troppo nervoso e falloso nel primo set. Si gioca punto a punto, poi la pressione fa la differenza anche per i brasiliani: l’Italia ringrazia, ancora con un super Pippo Lanza, e vince il secondo set per 25-23.

Partono subito forte i carioca nel terzo set: 5-1 con continue battute insidiose di Lipe. Ancora una volta però, l’Italia dimostra di essere la squadra più in forma del girone: non si demoralizza e pian piano guadagna qualche punto fino al 7-7. Raggiunta poi una nuova parità per 10-10, gli azzurri trovano un altro importante break per 13-10. Brasile che impatta nuovamente, prima della veemente reazione di Ivan Zaytsev e dell’errore che ci consegna il terzo set per 25-22.

Ordinaria amministrazione dell’Italia nel quarto set: 25-15 che tramortisce definitivamente i padroni di casa e lancia gli azzurri alla conquista matematica del girone A. Siamo tra le favorite per l’oro, inutile dirlo: ora però viene il difficile perché, dopo l’ultima gara con il Canada in programma lunedì alle 1:30, ci saranno i quarti di finale che, verosimilmente, ci vedranno opposti all’Iran.

About The Author

Barlettano, classe 1997, frequenta il Liceo Classico "Casardi" e sogna di diventare un giornalista sportivo. Collabora anche con la testata, Voci di Sport.

Related posts