Guinness Pro12: I Warriors non si fermano più. Connacht vince lo scontro diretto con Leinster, italiane in caduta libera.

Guinness Pro12: I Warriors non si fermano più. Connacht vince lo scontro diretto con Leinster, italiane in caduta libera.
Photo Credit To Jason O'Callaghan - Alba Ovale 2016

Scotstoun Stadium (Glasgow) – I Glasgow Warriors continuano la loro marcia prepotente verso la top-four celtica con un successo importantissimo, in rimonta, contro Ulster, con un parziale di 18-0 che ha stroncato i nordirlandesi nella ripresa. Dopo venti minuti, i primi, vissuti in apnea, i campioni in carica tornano a tratti a macinare il gioco che li ha portati al titolo lo scorso anno e hanno la meglio, in uno scontro molto fisico, di un avversario diretto in una gara che, come ha detto lo speaker poco prima del kick off, valeva davvero “otto punti”. Il calcio di Hogg a tempo scaduto corona una prestazione più che positiva – ma, per onestà, ancora lontana dagli standard della scorsa stagione – dei Warriors che riescono a togliere agli Ulstermen anche il brodino del punto di bonus difensivo, agganciandoli al quinto posto ma con una gara da recuperare – e portandosi ad un solo punto dal quarto posto, occupato da Munster che ha umiliato le Zebre al Thomond Park. I Warriors, se continuano così – quinta vittoria consecutiva – sono ancora la squadra da battere, mentre Ulster, ancora una volta,  denota limiti mentali prima ancora che fisici. Per i nordirlandesi, adesso, prolungare la stagione diventa davvero un’impresa.

Vai su Alba Ovale per leggere il commento completo alla gara.

Nelle altre gare della serata, Munster e Cardiff Blues prolungano il calvario del rugby azzurro – ancora in sofferenza dopo la chiusura del 6 Nations – infliggendo pesantissime sconfitte alle due squadre italiane. Al Thomond Park, le Zebre escono a secco (47-0) contro la Red Army (da segnalare che Zebo con la doppietta di stasera diventa il giocatore che ha messo a segno più mete con la maglia della Province) mentre Treviso segna otto punti ma subisce nove mete nella disfatta (56-8) dell’Arms Park. Domani a Galway, in uno Sportsground già sold-out, va in scena lo scontro al vertice tra Connacht e Leinster.

Connacht conquista una vittoria fondamentale per la sua storica rincorsa alla post-season celtica battendo Leinster (7-6) nello scontro al vertice della diciottesima giornata, compiendo un passo in avanti forse decisivo anche per garantirsi la semifinale casalinga.

Una meta del mediano di mischia Kieran Marmion dopo tredici minuti, e una difesa quasi impenetrabile, hanno garantito agli uomini di Pat Lam una vittoria che li manda a quattro punti di vantaggio proprio sui Dubliners, secondi, e lascia gli Scarlets, terzi, a sei punti.

I gallesi hanno fermato la rincorsa degli Ospreys verso l’alta classifica con un secondo tempo grazie al piede di Aled Thomas che ha fatto la differenza, dopo che le squadre erano andate a riposo sul 13-13 (meta di DTH van der Merwe per gli Scarlets e di Matavesi, che aveva portato avanti i Gweilch). Il piazzato di Sam Davies, a fine gara, fissa il punteggio sul 16-25 ma non riesce a garantire nemmeno un punto agli Ospreys, che con dodici punti di distacco da Munster, quarto, e con i Warriors che devono ancora recuperare una gara, con la sconfitta casalinga di oggi sono potenzialmente fuori dalla corsa-playoffs.

Post source : albaovale.wordpress.com

About The Author

Related posts