Rugby Union: Highlanders troppo forti per i Rebels

Rugby Union: Highlanders troppo forti per i Rebels
Photo Credit To 22metri

In una partita che non passerà certo agli annali del rugby, gli Highlanders passano a Melbourne per 27-3

Giornata autunnale a Melbourne dove a inizio partita è iniziata a cadere una pioggia fine, che come diceva il mio allenatore: bagna. E rugby autunnale, quello dell’emisfero nord, quello del fango e dei palloni persi.
Le due squadre hanno faticato a trovare spazi per tuta la partita, sprecando un numero di possessi enorme.
In una partita dove le difese si sono equivalse, le occasioni sono state scarse e la differenza l’ha fatta un po’ di fortuna in più per gli Highlanders sulle due mete, la prima nata su un rimpallo, la terza su un intercetto, e la totale mancanza di idee in fase d’attacco da parte dei padroni di casa.
Alla fine gli Highlanders, senza strafare, hanno raccolto la propria seconda vittoria in Australia, la quarta consecutiva e si sono anche portati a casa il punto bonus, merito delle tre mete segnate e dell’aver contenuto i Rebels a un solo calcio piazzato.
Oltre agli errori di controllo, i Rebels hanno pagato la scarsa precisione in rimessa laterale, dove hanno perso 4 touch su proprio lancio, e che hanno impedito loro di costruire sulle scarse occasioni avute nella metà campo avversaria.

Primo tempo

Dopo aver resistito bene all sfuriata iniziale dei campioni in carica, nel giro di tre minuti i Rebels si sono trovati sotto di 10 punti.
Gli Highlanders hanno segnato i primi punti al quarto d’ora con un preciso piazzato di Sopoaga per un fallo commesso dalla mischia dei Rebels
Al primo errore vero e proprio commesso dai Rebels gli Highlanders hanno colpito, Placid non ha controllato un campanile di Sopoaga e Thompson, ne ha approfittato per calciarle il pallone in avanti e andarlo a schiacciare in meta.
L’unica opportunità per i Rebels nel primo tempo è arrivata su azione di Shipperly con Placid placcato da Osborne in recupero e pallone che finisce in fallo laterale sul disperato tentativo dell’estremo dei Rebels di passare il pallone al compagno.

Secondo Tempo

A inizio ripresa i Rebels hanno iniziato a macinare un po’ di gioco, ma mancano sempre le idee e i palloni buttati via si sprecano
Ancora protagonista per gli Highlanders Thompson che ha dato il la alla seconda meta degli Highlanders, segnata dal debuttante Wilson al 55’, con un’azione caparbia e un po’ fortunosa sulla fascia destra dell’attacco dei campioni in carica.
Con gli ospiti davanti di diciassette punti, e solo venti minuti da giocare, i Rebels sono costretti a osare di più ma hanno concesso un intercetto a Osborne che ha percorso ottanta metri di campo per andare a segnare la terza meta ospite. Game over.

Il tabellino

Rebels 3 (3):
Piazz.: Debreczeni 1/2
Highlanders 27 (13):
Mete: Thompson 22′, Wilson, 55′, Osborne 65′
Trasf.: Sopoaga 3/3
Piazz.: Sopoaga 2/2

About The Author

Corrispondente da Melbourne - Australia. Maniaco di rugby, appassionato di ogni sport

Related posts