L’Olimpia Milano asfalta Varese
Photo Credit To youtube, EUROLEAGUE BASKETBALL

L’Olimpia Milano asfalta Varese

Dopo il k.o. alla prima giornata in casa di Trento e le critiche piovute ai danni del presidente Livio Proli, l’Olimpia EA7 Milano conquista la prima vittoria in campionato asfaltando sul parquet del Forum di Assago la Openjobmetis Varese. Primo derby lombardo in cassaforte Olimpia, nel segno di Lafayette e Gani Lawal, decisivo nei momenti chiave dalla gara.

Avvio nervoso per l’Olimpia nel primo quarto, Varese ne approfitta e piazza un break di 7-0 grazie alla coppia Ukic-Davies. Alessandro Gentile con un gioco da tre punti fa respirare Milano, ma gli ospiti prendono il largo nuovamente arrivando a più 9, sul 16-7. Sembra l’ennesima serata storta per l’EA7 ma sale in cattedra Lafayette, il quale mette a segno quattro punti consecutivi. Risponde a tono Thompson e la sua tripla che chiude il primo quarto sul 23-21.

Nel secondo quarto il copione non cambia nei primi minuti. Campani consente a Varese di mantenere il vantaggio e Lafayette prova nuovamente il gioco da tre. L’Olimpia però comincia a prendere campo. Entra Lawal ed il gioco meneghino è più consistente: Gentile serve quest’ultimo che schiaccia a canestro. Poi tripla di Simons e Varese comincia a entrare in confusione. Ukic replica dall’angolo ma Lafayette restituisce con la stessa moneta. Il primo tempo si chiude con la rimonta dell’Olimpia che si porta avanti 48-40.

Al rientro dall’intervallo Milano domina. Lawal e Lafayette collezionano punti su punti. Varese non riesce a tornare in partita. Milano si porta sul 62-48 a metà tempo. L’Olimpia oltre ad avere i rimbalzi di McLean trova un momento di grande ispirazione di Robbie Hummel che segna tre jumper consecutivi per otto punti filati che ampliano il vantaggio a 18 punti, 72-54 quando spira il terzo quarto. Nell’ultimo periodo, Hummel continua a segnare anche su rimbalzo d’attacco e la partita va in archivio con l’EA7 saldamente in controllo e il debutto stagionale, con tanto di tripla, di Andrea Amato e Daniele Magro.

90-62 il finale

About The Author

Related posts