Basket risultati e classifica 23 giornata serie A: Milano va in fuga

Basket risultati e classifica 23 giornata serie A: Milano va in fuga

Basket risultati e classifica 23 giornata serie A: il punto

Nessun verdetto definitivo ma tante indicazioni in questa giornata di campionato: la vittoria ad Avellino certifica il primato solitario di Milano (grazie allo scivolone di Venezia a Pistoia), Cantù vince la sfida playoff contro Torino, vittorie per Brescia e Trento, mentre Varese espugna Sassari.

L’anticipo di giornata mette di fronte due roster alla ricerca di punti per ritrovarsi, nonostante i diversi obiettivi: Brescia, grazie al maggior tasso tecnico, ha la meglio di una Capo d’Orlando sempre più in crisi ed ancora in zona retrocessione. Con questa vittoria la Germani ritrova nuova linfa e rafforza il proprio piazzamento ai playoff: coach Diana ringrazia Landry, top scorer con 24 punti, Moore (17+8), Vitali (17), Sacchetti (14) e Hunt (12). La Betaland si affida di nuovo agli ultimi arrivati (Likhodey 24+9, Knox 17, Faust 14, con Atsur a quota 10) senza però riuscire ad impensierire gli avversari.

Nel big match di giornata Milano sbanca il Del Mauro di Avellino e, complice la caduta di Venezia, si ritrova da sola in vetta alla classifica grazie ad un solidissimo secondo tempo. Gli uomini di Sacripanti recriminano per non aver tenuto il ritmo della capolista fino in fondo e affrontano un periodo sicuramente difficile: Rich (21) e Fesenko (17), coadiuvati da Wells (14) e Scrubb (11) non riescono a trascinare la squadra alla vittoria. Per l’Olimpia in doppia cifra vanno Micov (14), Gudaitis (13), Pascolo (11) e Goudelock (10).

La Virtus batte, pur faticando, la Happy Casa Brindisi davanti al proprio pubblico: due punti fondamentali per Gentile e soci, che rimangono aggrappati all’obiettivo post season conquistando la quinta piazza in graduatoria, mentre Brindisi rimane a sole due vittorie di distanza dall’ultimo posto. Ale Gentile sfiora il career high (31), Aradori (17) e Ndoja (10) fanno il resto, per l’Happy Casa molto bene Lydeka (20), Giuri (19) e Smith (18+11), cui si aggiunge Mesicek con 10 punti.

La sorpresa di giornata arriva dal PalaCarrara, teatro della vittoria della The Flexx ai danni dei campioni d’Italia uscenti della Reyer: 93-83 il risultato finale, figlio di una prestazione sopra le righe degli uomini di Esposito, capaci di controllare il ritmo del match per tutti i 40 minuti al cospetto di una formazione sicuramente più dotata e che scivola momentaneamente al secondo posto. Spaziale la prova di McGee (29 che, supportato dagli ottimi Ivanov (18+9) e Moore (17+7), conduce per mano i suoi, Daye (18+7), Jenkins (14), Tonut (13) e Peric (11) non bastano all’Umana, apparsa affaticata dalla settimana di coppa.

Cantù si aggiudica lo scontro-playoff contro una Torino alla terza sconfitta consecutiva: bravi i ragazzi di Sodini a rimanere aggrappati alla partita, nonostante i vari tentativi di fuga di una Fiat quasi sempre avanti nel punteggio ma che si perde sul più bello. La Red October deve molto all’uomo-ovunque Chappell (20) e Culpepper (20 e 8 assist), mentre Thomas (17) e Smith (14) si svegliano nel momento decisivo; solida la prova di Burns (10+16). Torino gode del miglior Washington di sempre in campionato (30) ma esce dai primi otto posti in classifica; in doppia cifra anche Vujacic (15), Garrett (14 ma ben 6 perse) e Mbakwe (12).

Vittoria inaspettata ma assolutamente meritata quella ottenuta da Varese a Sassari: la Openjobmetis conferma il tren sostanzialmente positivo che ne ha caratterizzato le ultime uscite e continua a sognare la post season, al contrario il Banco di Sardegna non riesce a trovare la continuità giusta. Solita prova da MVP per un Okoye in stato di grazia (27), bene anche Wells (17) e Cain (12). Coach Pasquini trova riscontri in pochissimi elementi (Bostic 24, Polonara 20, Stipcevic 15 e Spissu 11) e vede la sua posizione aggravarsi ulteriormente.

Trento non ha particolari problemi a sbarazzarsi del fanalino di coda Pesaro e le infligge una pesante sconfitta per le ambizioni di rimonta in classifica. I soliti Bertone (14), Mika (12+8) e Omogbo (10+10) non vengono adeguatamente supportati dalla squadra che finisce con l’affondare, la Dolomiti Energia, che con questo successo si aggiudica l’ottavo gradino della graduatoria, si gode Shields (17), Sutton (14), Hogue (14+12) e Gomes (11).

Basket risultati e classifica 23 giornata serie A: i risultati

Betaland Capo d’Orlando  – Germani Basket Brescia  78  88
Sidigas Avellino  – EA7 Emporio Armani Milano 75  82
Segafredo Virtus Bologna  – Happy Casa Brindisi 94 85
The Flexx Pistoia  – Umana Reyer Venezia  93  83
Red October Cantù  – Fiat Torino  93 90
Banco di Sardegna Sassari  – Openjobmetis Varese  87 91
VL Pesaro  – Dolomiti Energia Trento 62 77
Grissin Bon Reggio Emilia  – Vanoli Cremona *

*La partita verrà recuperata il 18/04 a causa degli impegni di Eurocup di Reggio Emilia.

Basket risultati e classifica 23 giornata serie A: la classifica

 EA7 Emporio Milano Milano  36 (18-5)
 Umana Reyer Venezia  34 (17-6)
 Germani Basket Brescia  30 (15-6)*
 Sidigas Avellino  30 (15-7)
 Segafredo Virtus Bologna  26 (13-10)
 Red October Cantù  24 (12-11)
 Banco di Sardegna Sassari  24 (12-11)
 Dolomiti Energia Trento  24 (12-11)
 Fiat Torino  24 (12-11)
 Vanoli Cremona  22 (11-11)*
 Grissin Bon Reggio Emilia  20 (10-11)**
 Openjobmetis Varese  20 (10-13)
 The Flexx Pistoia  16 (8-15)
 Happy Casa Brindisi  14 (7-16)
 Betaland Capo d’Orlando  10 (5-18)
 VL Pesaro  10 (5-18)

* Una partita in meno.

** Due partite in meno.

Basket risultati e classifica 23 giornata serie A: il prossimo turno

Il prossimo turno di campionato andrà in scena nel weekend del 31 marzo e 1 aprile.

Fiat Torino  – The Flexx Pistoia
Dolomiti Energia Trento  – Betaland Capo d’Orlando
Germani Basket Brescia  – Red October Cantù
Happy Casa Brindisi  – Banco di Sardegna Sassari
Openjobmetis Varese  – VL Pesaro
EA7 Emporio Armani Milano  – Grissin Bon Reggio Emilia
Vanoli Cremona  – Segafredo Virtus Bologna
Umana Reyer Venezia  – Sidigas Avellino


About The Author

Aspirante giornalista ed aspirante ingegnere, preferisco Drazen Petrovic alla legge di Fick e i fade away agli integrali di linea. Su Dotsport mi occupo di basket e occasionalmente di calcio.

Related posts