Francesco Moser Film Scacco al tempo – Documentario

Francesco Moser Film Scacco al tempo – Documentario

Francesco Moser Film Scacco al tempo

Con 273 vittorie su strada da professionista è il ciclista italiano con il maggior numero di successi all’attivo (secondo Giuseppe Saronni (con 193) e terzo Mario Cipollini (con 189).

Tra le sue vittorie più importanti: un Giro d’Italia e un buon numero di classiche monumento, tra cui tre Parigi-Roubaix, due Giri di Lombardia, una Freccia Vallone, una Gand-Wevelgem e una Milano-Sanremo, oltre a un campionato del mondo su strada e a uno nell’inseguimento individuale su pista.

Una troupe capitanata dal regista Nello Correale  ha affiancato per un anno Francesco Moser lungo i percorsi a lui familiari, per raccontare non solo il campione, ma anche per comporre un inedito ritratto dell’uomo, della famiglia e della comunità di Palù di Giovo, paesino in provincia di Trento dove è nato e dove – come Moser dice in ogni occasione – è sempre tornato. L’uscita di Francesco Moser Film “Scacco al tempo”, è prevista per l’inizio del 2018

Clicca sul video di seguito per vedere il trailer di Francesco Moser Film Scacco al tempo


Ho portato le ruote della mia bici ai confini della terrasenza mai dimenticare da dove arrivo“, si apre così il trailer di ‘Scacco al tempo‘ e la leggenda di Francesco Moser diventa anche un film-documentario.

Partito dal piccolo paesino di Palù di Giovo, Moser ha conquistato il mondo entrando nell’immaginario popolare e collettivo: è questo il messaggio che il documentario ‘Scacco al tempo‘  vuole trasmettere perché il ciclista trentino è sempre sulla breccia, anche se non ci sono più vittorie, podi e braccia alzate, ma vino e campagna.

Oltre che l’amata bicicletta che tuttora inforca e utilizza sia sulle salite delle sue parti (amatissime) sia nel corso di manifestazioni ciclistiche amatoriali e non in giro per l’Italia e per il mondo.

Un documentario che non riguarda solo i chilometri di strada divorati nei circa venti anni di carriera, dalla fine degli anni sessanta al ritiro dopo la metà degli anni ottanta per raccontare ‘la storia di un ciclista attraverso il volto di un uomo’ per raccontare anche la storia dell’Italia, un Paese in ritardo e affamato.

Le riprese sono iniziate in aprile scorso tra ItaliaFrancia e Olanda, seguendo le tracce delle strade in cui Francesco Moser ha vinto le sue vittorie più prestigiose.

About The Author

Related posts